Non solo ‘nduja: 6 pizzerie calabresi da provare

Quando si parla della cucina calabrese le prime cose che saltano alla mente sono la ‘nduja, la cipolla di Tropea, il peperoncino e tanti altri prodotti tipici locali. In pochi sanno, però, che anche in Calabria è arrivata da qualche tempo l’onda delle pizzerie di qualità e che molti professionisti del territorio stanno riuscendo a distinguersi anche a livello nazionale.

Ecco allora 6 locali dove andare a scoprire l’interpretazione calabrese della pizza

  1. Bob alchimia a spicchi – Via Don Luigi Sturzo 1 – Montepaone, Catanzaro. Roberto Davanzo, oltre che un pizzaiolo eccellente, non può che definirsi un visionario. La sua pizzeria di Montepaone è un punto di riferimento per tutti gli appassionati dell’arte bianca calabresi. E ogni pizza è portavoce di una ricerca scrupolosissima di materie prime locali che vengono associate ad impasti dalle consistenze diverse. E, per i clienti più golosi, il menu prevede una sezione pizze dolci al latte, perché, diciamocelo la pizza è buona in tutte le sue declinazioni.
  2. Duodecim pizze – Via Louis Braille 1 – Quattromiglia, Cosenza. Dopo una brillante carriera in giro per l’Italia, Ciccio Filippelli decide di tornare nella sua terra per fare innamorare i propri conterranei della sua pizza. Crea quindi un locale elegante e accogliente nel cuore di Quattromiglia di Rende dove dà prova della propria maestria e professionalità. Il menu comprende 12 pizze – come anticipa il nome del locale – e viene periodicamente aggiornato in linea con la stagionalità dei prodotti, mantenendo invariate solo le pizze classiche. L’impasto, con farina semintegrale, viene fatto lievitare per 36 ore risultando leggerissimo e scioglievole. Sorprendente il bilanciamento e la qualità degli ingredienti. Pregevole anche il lavoro sulle consistenze e l’attenzione alla freschezza dei prodotti del territorio, che vengono acquistati giornalmente per evitare che la texture venga alterata.
  3. PizzaRé – Via Municipio 14 – Rizziconi, Reggio Calabria. Domenico Ventre, il creatore del progetto di PizzaRé, è un calabrese caparbio che non ha voluto abbandonare la propria terra in cerca di fortuna altrove, anzi ha deciso di servirsi proprio di essa e delle sue eccellenze gastronomiche per creare una pizzeria in cui la qualità è la prerogativa fondamentale. Il caposaldo della sua pizza è l’attenzione alla materia prima, che viene processata il meno possibile così da poter esaltare il suo gusto originario e permettere al cliente di percepirne la qualità. Ad ogni morso i sapori si avvicendano rimanendo ben chiari al palato. Punto di forza del menu è la sezione dedicata alla pizza margherita, da assaporare in tutte le sue declinazioni, sempre con prodotti d’eccellenza: i pomodori utilizzati, ad esempio, sono tutti IGP e provenienti dall’agro-sarnese.
  4. Lievito – Via dei Filippini 37 – Reggio Calabria. La storia di questa pizzeria è abbastanza recente: il locale apre nel 2014 nel cuore di Reggio Calabria, ma riesce a riscuotere da subito un buon successo. La pizza di Lievito non è una napoletana, non è una romana, è una pizza unica nel suo genere: un mix di farine integrali dà vita ad una base leggerissima dal cornicione scrocchiarello fuori e morbido e alveolato dentro. L’impasto, realizzato con lievito madre e con una lievitazione/maturazione di 72 ore, ha un sapore che ricorda quello del pane appena sfornato, ma molto più leggero e digeribile. Ai più audaci viene anche data la possibilità optare per un impasto alla curcuma e semi o alla canapa sativa, che meglio si sposano con alcuni topping. Gli ingredienti sono scelti con criterio e processati con tecniche singolari per creare sapori innovativi come nel caso della cottura nella birra di produzione propria.
  5. Le tre farine – SS 18 Km 485 – Palmi, Reggio Calabria. Una pizzeria nata dall’intraprendenza di due ragazzi che hanno investito nel loro territorio e hanno dato vita ad un locale molto ampio, dagli arredi rustici e dotato di un dehor esterno molto spazioso. La pizza, come dice il nome stesso, è creata a partire da un blend di tre farine da cui scaturisce un impasto dal sapore rustico. Quello che conquista, infatti, è proprio il gusto del disco di base, che non presenta farine raffinate e all’assaggio regala subito un ampio spettro aromatico. Il menu ha un’ampia sezione dedicata alle proposte di stagione aggiornata frequentemente e per i più affamati c’è la possibilità di scegliere pizze da 50 cm di diametro, grandi il doppio delle classiche.
  6. Madre, aggiustata di sale e pepe – Via Busento 16 – Quattromiglia, Cosenza. Quando si parla di pizzerie eccellenti del territorio calabrese, questo locale passa spesso ingiustamente in sordina. La pizza è una napoletana col cornicione a canotto. L’impasto ha un sapore molto delicato e risulta essere anche molto digeribile. Nello sfogliare il menu emerge l’attenzione al territorio, con una buona parte degli ingredienti utilizzati che provengono da attività locali. Una sezione del menu è dedicata alle pizze ripiene, fritte o al forno, e semi-ripiene, come nella più classica tradizione napoletana.

Fonte: Irene Cortese di www.agrodolce.it

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Subscribe To Our Newsletter

Subscribe to our email newsletter today to receive updates on the latest news, tutorials and special offers!