Pomodori e melanzane sull’albero? Si può fare!

È questo lo straordinario risultato che racconta il libro presentato da Francesco Mangano a Vibo Valentia sabato 4 dicembre scorso al Sistema Bibliotecario Vibonese. Il titolo è illuminante: ”L’ORTO SULL’ALBERO”.

Ed in effetti quest’uomo dall’eccezionale intuito botanico, è riuscito a fare ciò che per secoli non era mai stato ritenuto possibile: “ha innestato una pianta erbacea (pomodori e melanzane) su una pianta legnosa (solanummuritianum)”.

Questa intuizione nasce dalla sua capacità di osservazione, infatti è stato il primo a notare la somiglianza botanica tra le foglie delle melanzane e quelle del solanum.

Evidentemente, da questa constatazione, corroborata dal fatto che anche pomodori e melanzane appartengono alla famiglia delle solanacee, al pensare di tentare degli innesti così spericolati, il passo non è facile. E qui Francesco Mancano è stato soccorso dal suo carattere forte e tenace, tipico di un calabrese purosangue come lui che non sa che vuol dire arrendersi alle avversità.

Sentiamo che ci dice Mangano: “Sono un uomo semplice, ma che porta sempre fino in fondo le proprie idee. Molti anni fa, notai una piantina mai vista prima, dalle foglie simili a quelle di una melanzana, forse portata vicino casa mia da qualche uccello migratorio arrivato da lontano. La lasciai crescere fino a che diventò un albero. Allora pensai di innestarlo con pomodori e melanzane, ritenendo che, vista la somiglianza botanica, fossero affini alla pianta arborea che avrei usato come portainnesto. Perciò andai da un vivaista e comprai delle piantine di diverse varietà.”

“Grazie all’innesto – continua Mangano – la pianta da riprodurre si sviluppa e continua a vivere sulla pianta ospitante. Così, con l’ausilio di una imbracatura di sicurezza e di una lunga scala poggiata ai rami dell’albero, innestai sul solanumtante piantine di pomodori e melanzane, di tanti e varietà.”

“I risultati furono eccezionali e nel mio libro L’ORTO SULL’ALBERO che è un vero e proprio vademecum, pubblicato da PELLEGRINI EDITORE, spiego dettagliatamente tutta la metodologia utilizzata a partire dalla semina dei semi dell’albero (che vengono regalati insieme al libro), sino alla fase dell’innesto e delle successive tecniche di sostegno delle piante in fase di crescita. In poche parole – ci tiene a sottolineare Mangano –  chi compra il libro viene messo in condizione di farsi il proprio orto sull’albero.”

Chiediamo a Mangano se questo sistema di coltivazione che ha avuto l’attenzione dei media a livello nazionale proprio per la sua originalità, può essere utilizzato ovunque.

“Certamente.Il mio orto arboreo potrebbe essere una soluzione in quei paesi esposti alla scarsità di cibo e ovunque la penuria d’acqua determinadifficoltà di coltivazione degli ortaggi. Infatti il solanumummauritianum,con le sue radici lunghissime   va in profondità a cercare l’acqua e le sostanze nutritive che servono allo sviluppo delle piante innestate che, inoltre, non hanno bisogno di concimi o di prodotti chimici, né antiparassitari o anticrittogamici, perché gli ortaggi vengono innestati in alto e sono ben ventilati. Per questo – conclude Mangano – non vengono attaccati da malattie fungine come peronospora, oidio o altre malattie dovute all’umidità del terreno, e nemmeno dagli afidi o da altri parassiti.”

Bravo Francesco Mangano, l’augurio è che il tuo orto sull’albero possa attecchire ovunque ce ne sarà bisogno, mentre ti è dovuta una grande gratitudine per il tuo impegno a far tornare gli uomini ad amare la natura, la terra e i suoi doni. La tua è stata proprio una geniale idea.

Giuseppe Giraldi

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Subscribe To Our Newsletter

Subscribe to our email newsletter today to receive updates on the latest news, tutorials and special offers!