Premio Innovazione: Digitale, novel food, economia circolare e turismo. Confagricoltura seleziona le aziende che guardano al futuro

Innovazione in agricoltura non è soltanto investimenti in tecnologie meccaniche. Lo dimostrano le otto aziende protagoniste della terza edizione del Premio Nazionale per l’Innovazione istituito da Confagricoltura.

Tra quelle premiate stamani a Palazzo Della Valle a Roma – alla presenza del ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli e del presidente Massimiliano Giansanti – accanto a strumenti di ultima generazione in agricoltura, troviamo infatti virtuosi modelli di economia circolare basati su ricerche di laboratorio, recupero di antiche pratiche agricole, minima lavorazione per conservare la fertilità dei suoli e ridurre le emissioni, cover crops per evitare l’erosione del terreno. 

Il Premio Innovazione è una delle iniziative con cui Confagricoltura valorizza le avanguardie imprenditoriali: buone pratiche che hanno al centro prodotti, processi sostenibili, aspetti organizzativi e di marketing da raccontare e condividere.

La ricchezza del contesto innovativo in agricoltura è testimoniata dalle imprese e startup partecipanti al bando pubblicato a luglio e arrivate alla selezione finale.

Le varie innovazioni riguardano le tematiche più strategiche per il settore agricolo e agroalimentare: digitale, economia circolare e sostenibilità, novel food, turismo e territorio.

La rosa dei ventidue progetti finalisti da cui la giuria del Premio, presieduta da Michele Pisante (Università di Teramo), ha selezionato gli otto vincitori, presentava in particolare nuove soluzioni per gli allevamenti, per le colture ortofrutticole, i cereali, e le piante aromatiche. Ampio spazio poi a tecnologie e domotica, nuove occasioni di promozione territoriale e produzioni fitosanitarie ricavate da soluzioni bio.

Tra i partecipanti, imprese che hanno fatto degli alimenti innovativi il proprio core business. I cosiddetti superfood, come la spirulina, gli alimenti a base di canapa, oppure integratori alimentari derivanti da un sottoprodotto del riso.

Ecco le imprese vincitrici della terza edizione del Premio Innovazione divise per categorie:

Innovazione digitale

La Canova, a Gambara (BS), su più di 317 ettari di superficie, produce cereali e ha un allevamento di bovini da carne. Tutti i prodotti coltivati sono destinati all’alimentazione degli animali. Da sempre attenta al benessere animale e alla ricerca, ha introdotto come innovazione sistemi di irrigazione e fertilizzazione a rateo variabile sulle coltivazioni di mais.

Il Noceto è un’Organizzazione di Produttori nata nel 1993. I noceti, della varietà “Lara”, si estendono per quasi 400 ettari tra le province di Venezia, Treviso e Udine (a Chiarano, in provincia di Treviso). Ha attuato, come innovazione, l’interconnessione dei processi di produzione e qualità.

Economia circolare e sostenibilità

L’azienda cerealicola Parapini si trova a Settala (MI). Fondata nei primi anni del ‘900, è da sempre attenta a innovazione e sostenibilità. Ha fatto dell’efficientamento dei processi produttivi uno dei suoi principali punti di forza. E’ innovativa per l’utilizzo della precision farming, del carbon farming, della minima lavorazione del terreno e delle cover crops.

Fattorie Menesello, azienda agricola situata a Lozzo Atestino (PD), con uno dei più antichi allevamenti avicoli italiani, nel 2018 dà vita a Natura Organica, start up innovativa che mette a punto un sistema di produzione di fertilizzanti totalmente a base organica. Come innovazione si è contraddistinta appunto per questo tipo di produzione da materiale organico proveniente dagli allevamenti.

Novel food

BugsLife è una startup innovativa che si affianca alla Società Agricola Iraci Borgia, a Perugia, specializzata nella produzione di biogas a partire da colture e scarti agricoli. L’innovazione che caratterizza la BugsLife è l’allevamento di insetti, in particolare della mosca soldato, su larga scala, per la produzione di farine proteiche per il pet food.

L’azienda Rondolino SCA, con sede nella storica Tenuta Colombara situata a Livorno Ferraris (VC), è leader ed eccellenza nella produzione di riso. É l’unica impresa del comparto ad avere ottenuto due brevetti: uno per il reintegro della gemma di riso bianco e uno per la produzione della gemma di riso. Ha introdotto un metodo innovativo e un impianto per la produzione di un prodotto alimentare pronto all’uso a base di gemma di riso.

Turismo e territorio

La Cerreta, azienda agricola situata a Castiglione del Lago (PG), con oltre 100 ettari di superficie, ha un allevamento di bovini da latte, un agriturismo e una fattoria didattica. Attua l’economia circolare con un ciclo completo del digestato. Come innovazione ha integrato le sue attività con un percorso con 14 opere d’arte contemporanea nei campi en plein air.

Al Rocol, ad Ome (BS), è una delle prime aziende agrituristiche aperte in Franciacorta. L’attività principale dell’impresa è la produzione vitivinicola. L’innovazione che la contraddistingue è una piattaforma digitale, che sta sviluppando, per mettere in rete le imprese turistiche, culturali e agroalimentari del territorio e offrire così servizi e pacchetti personalizzati.

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Subscribe To Our Newsletter

Subscribe to our email newsletter today to receive updates on the latest news, tutorials and special offers!